Home Gruppi LAZIO “Cristiani di destra e cristiani di sinistra: dal bipolarismo politico al bipolarismo ecclesiale”
0

LAZIO “Cristiani di destra e cristiani di sinistra: dal bipolarismo politico al bipolarismo ecclesiale”

0

Giovedì 29 aprile alle 18 la Delegazione regionale Meic del Lazio propone il convegno “Cristiani di destra e cristiani di sinistra: dal bipolarismo politico al bipolarismo ecclesiale”. Il relatore è Stefano Biancu, professore associato di Filosofia morale alla Lumsa di Roma e vicepresidente nazionale uscente del Meic.

Per collegarsi su ZOOM
https://uniroma1.zoom.us/j/81180293869?pwd=akxwRU5jRHliOWZybktRWFM0aElaQT09
ID riunione: 811 8029 3869 Passcode: 020916

Così presenta l’incontro il delegato regionale del Meic Gianfranco Tonnarini: “Noi cristiani viviamo il rischio che la legittima opzione di scelte politiche diverse finisca per prevalere sulla nostra stessa identità cristiana. Il bipolarismo politico sembra prendere il sopravvento e creare una sorta di bipolarismo ecclesiale, secondo cui essere di destra o di sinistra prevale sulla comune appartenenza alla comunità cristiana. Mi piace ricordare alcune parole di Aldo Moro sul valore dell’unità : ‘Possiamo dire che al cristiano impegnato in politica spetta in modo peculiare la responsabilità di un avanzamento civile e sociale con gli occhi della fede. Non è importante che pensiamo le stesse cose, che immaginiamo e speriamo lo stesso identico destino; è invece straordinariamente importante che, ferma la fede di ciascuno nel proprio originale contributo per la salvezza, tutti abbiano il proprio libero respiro, tutti il proprio spazio nel quale vivere la propria esperienza di rinnovamento e di verità, tutti collegati l’uno all’altro nella comune accettazione di essenziali ragioni di libertà, di rispetto e di dialogo. La pace civile corrisponde puntualmente a questa grande vicenda del libero progresso umano, nella quale rispetto e riconoscimento emergono spontanei, mentre si lavora, ciascuno a proprio modo, ad escludere cose mediocri per fare posto a cose grandi’”.